Cento anni di “Reginella”

Reginella” è, ormai da un po’, una canzone secolare.

Il suo centenario, infatti, si è compiuto nel 2017 poiché è stato nel 1917 che la Casa Editrice La Canzonetta l’ha pubblicata: l’autore era Libero Bovio, poeta, scrittore, drammaturgo e giornalista partenopeo, “papà” di tanti celebri brani della cosiddetta epoca d’oro della canzone napoletana; la musica a tempo di valzer, invece, era a cura del compositore (ancora un partenopeo) Gaetano Lama.

Le parole

Non c’è nessuno – probabilmente al mondo – che non canticchi, almeno una volta nella vita, il ritornello di “Reginella”: si tratta, infatti, di una delle canzoni napoletane più famose di tutti i tempi.

Te si’ fatta na vesta scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose…
stive ‘mmiez’a tre o quatto sciantose
e parlave francese…è accussí?

Fuje ll’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata
fuje ll’autriere a Tuleto, ‘gnorsí…

T’aggio vuluto bene a te!
Tu mm’hê vuluto bene a me!
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me!…

Reginè’, quanno stive cu mico,
nun magnave ca pane e cerase…
Nuje campávamo ‘e vase, e che vase!
Tu cantave e chiagnive pe’ me!

E ‘o cardillo cantava cu tico:
“Reginella ‘o vò’ bene a stu rre!”

T’aggio vuluto bene a te!
Tu mm’hê vuluto bene a me!
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me!…

Oje cardillo, a chi aspiette stasera?
nun ‘o vvide? aggio aperta ‘a cajóla!
Reginella è vulata? e tu vola!
vola e canta…nun chiagnere ccá:

T’hê ‘a truvá na padrona sincera
ch’è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantá…

T’aggio vuluto bene a te!
Tu mm’hê vuluto bene a me!
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me!…

Il testo racconta di un amore finito e di un incontro fortuito a Via Toledo che risveglia nell’uomo una serie di sentimenti e ricordi: quando erano insieme “vivevano di baci”, senza grosse disponibilità economiche, eppure oggi lei è diventata una sciantosa, passeggia con le amiche con un vestito scollato e parla addirittura francese… il brano si chiude con una metafora legata ad un uccellino, che forse è meglio che si trovi “una padrona più degna del suo canto”, tanto che il protagonista gli lascia la gabbietta aperta per farlo scappare via.

Ma è quel “ora non ci amiamo più, ma tu a volte distrattamente pensi a me” il vero perno struggente dell’intero canto.

“Reginella” nel tempo

Sono stati tantissimi gli artisti che, innamorati di “Reginella”, l’hanno intonata e fatta entrare nel loro repertorio: Gilda Mignonette (nome d’arte di Griselda Andreatini, cantante e sciantosa soprannominata “La Regina degli emigrati”), nel 1918, la esportò all’estero, ma tanti ricordano ancora oggi l’esecuzione di Roberto Murolo, che diventò un classico, arrivando sino ai nostri anni ’80 con Massimo Ranieri e agli anni ’90 con l’Orchestra Italiana e Mia Martini. La canzone è stata anche colonna sonora del film “Sabato, Domenica e Lunedì” (1990) con Sophia Loren e Luca De Filippo.

Ma il potere di “Reginella” non si è fermato con la modernità: nel nuovo millennio, esattamente nel 2003, Mina l’ha incisa in un singolo inserito nel suo triplo CD “Napoli primo, secondo e terzo estratto”.