Le origini di “Era de Maggio”

Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá!

Quante coppie si sono innamorate immerse nelle note di “Era de Maggio“?

Considerando che si tratta di un brano che ha attraversato insieme a noi, ormai, due secoli e che è diventato famoso in tutto il mondo, possiamo immaginare quanto sia stato facile renderlo colonna sonora di serate perfette a lume di candela…

La canzone, scritta a partire dai versi di una poesia del 1885 di Salvatore Di Giacomo e musicata dal compositore pugliese Mario Pasquale Costa, si divide in due parti: nella prima c’è un dolorosissimo addio legato alla separazione temporanea di due innamorati e, nella seconda, il loro ritrovarsi, come promesso, nello stesso luogo – un giardino straripante di ciliegie – e nello stesso mese dell’anno (Maggio, appunto).

Storia e origini

La canzone fu presentata per la prima volta nel 1885 in occasione, come spesso accadeva a quei tempi, del famosissimo festival di Piedigrotta.

L’allontanamento dei giovani protagonisti del componimento si crede fosse legato all’imminente partenza del ragazzo per il servizio militare (tant’è che torna esattamente un anno dopo) e l’intera atmosfera è descritta in maniera così minuziosa che sembra quasi di vivere la scena in prima persona, seduti da qualche parte in quel giardino fiorito di Maggio.

Versi che hanno incantato le voci più belle di tutto il mondo, dai nostri Roberto Murolo e Massimo Troisi a Battiato e persino a Mina. E non è stata l’unica occasione in cui una poesia di Di Giacomo è stata musicata per diventar canzone.

Ma il successo legato a questo brano, probabilmente, è dovuto anche al finale dolceamaro della storia che racconta:

E so’ turnato e mo, comm’a ‘na vota,
cantammo ‘nzieme lu mutivo antic’;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ‘ammore vero no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,
si t’arricuorde, ‘nnanze a la funtana:
Ll’acqua llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d’ammore nun se sana.

Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioia mia,
‘mmiez’a st’aria ‘mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: “Core, core!
core mio, turnato io so’.
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuo’!
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuo’“.

Insomma, nonostante la promessa d’amore, il ragazzo scopre che – forse a causa del troppo tempo passato dall’ultimo incontro – la sua amata non corrisponde più i suoi sentimenti come una volta: e si dispera, si interroga, si tormenta, perché “l’amore vero non cambia strada“.