Opera lirica italiana: i componimenti più famosi di sempre

L’Italia è il Paese per eccellenza della musica lirica e, d’altro canto, la tradizione dell’opera italiana è una delle più celebri al mondo.

È proprio qui, infatti, che sono nati i compositori più famosi di sempre, da Verdi a Puccini, passando per Vivaldi e Rossini.

Ma quali sono  le opere più conosciute e che chiunque di noi, anche tra i non appassionati di questo genere, riconoscerebbe al primo ascolto?

Ecco qualche suggerimento: siamo sicuri che queste note vi suoneranno incredibilmente familiari!

#1. Madame Butterfly – Giacomo Puccini

Quanti film, quanti spot pubblicitari e quante opere moderne si sono lasciate accompagnare da quella meraviglia che è la “Madama Butterfly”di Puccini. Si tratta, oltretutto, di un componimento particolare: un’opera occidentale basata su un soggetto giapponese, una tragedia che si dipana dal momento in cui la protagonista decide di abbandonare le proprie tradizioni culturali per amore di un militare in licenza, insomma, di uno straniero.

#2. Nabucco – Giuseppe Verdi

I più giovani avranno avuto modo di ascoltare “Va’, pensiero sulle ali dorate” nella popolare serie Tv intitolata The Leftovers, ma i Millennial e i Baby Boomer ricorderanno che il testo di quest’opera venne anche stravolto, in chiave ironica, dallo spot di un moderno elettrodomestico.

Il “Nabucco” è l’opera che interpreta lo spirito nazionale italiano nel senso più positivo del termine, con una partitura talmente attuale da essere, infatti, riproposta un po’ ovunque regolarmente anche in chiave odierna e sotto mentite spoglie.

Ma l’identità iniziale del capolavoro di Verdi è, in realtà, un dramma corale ambientato durante la prigionia del popolo ebreo da parte degli assiri guidati dal re Nabucodonosor: un canto che è evocazione della terra tanto amata e purtroppo perduta, nella constatazione del proprio triste destino.

#3. Il Barbiere di Siviglia – Gioachino Rossini

Chi, a qualunque età, potrebbe dire di non riconoscere in pochissimi istanti le prime note de “Il Barbiere di Siviglia“?

Appartiene al repertorio “intrinseco” di ognuno di noi, tramandato per generazioni grazie a quel carattere buffo dell’opera che rappresenta, in realtà, una società che ha perso il senso dell’orientamento e i suoi punti di riferimento: in pratica, una situazione che si ripresenta a cicli continui durante i corsi ed i ricorsi storici.

Il personaggio iconico del componimento è Figaro: astuto, insolente, spavaldo, quasi disprezzato dallo stesso compositore che gli ha dato vita.

#4. Aida – Giuseppe Verdi

Ci sarebbero infinite ispirazioni da citare, ma chiudiamo questo piccolo inventario di “celebrità liriche” con l’Aida di Verdi, trionfale e eternamente ammaliante: il punto di incontro perfetto tra amore e morte.

È la storia di una principessa etiope, Aida appunto, fatta schiava dagli egiziani, che si innamora, ricambiata, di Radamès, un comandante dell’esercito, a sua volta amato dalla figlia del faraone, la principessa Amneris. Un melodramma dalle note quasi pietrificanti, che entrano dentro per non poter uscire mai più.

E voi, quali opere liriche italiane portate nel cuore?